Ritsue Mishima - Glass works
17 Settembre 2022 - 30 Ottobre 2022

Ritsue Mishima - Glass works

Ritsue Mishima - Glass works

Ritsue Mishima alle Gallerie dell’Accademia

A cura di Michele Tavola

“Il mio vetro è trasparente e incolore, cattura e rilascia la luce e i colori che lo circondano”: in queste poche parole di Ritsue Mishima è racchiuso il significato della sua arte. Più che dai valori plastici delle forme, più che dagli oggetti in se stessi e dal materiale con il quale sono realizzati, il senso ultimo della ricerca di Mishima è restituito dall’aura luminosa che circonda le opere. Il vetro, accuratamente scelto e trattato con una tecnica personale sviluppata e affinata nelle fornaci di Murano nel corso dei decenni, è lo strumento attraverso il quale l’artista crea le atmosfere, le percezioni spaziali e le sensazioni ambientali che costituiscono l’essenza del suo lavoro. I singolari esiti estetici ottenuti sono il frutto dell’incontro tra la sua cultura d’origine e la tradizione veneziana della lavorazione del vetro.

I pezzi presentati alle Gallerie dell’Accademia instaurano un dialogo serrato e intimo con le opere della collezione permanente e con gli ambienti nei quali vengono esposti. Innanzitutto e soprattutto Antonio Canova, del quale quest’anno ricorre il bicentenario dalla morte, è il primo e principale interlocutore di Mishima. Il percorso espositivo si apre con i nove piccoli Meteoriti in vetro argentato collocati appena sotto i calchi in gesso delle quattro steli funerarie dedicate a Giovanni Falier, Willem George d’Orange, Alexandre de Souza e Giovanni Volpato. La superficie granulosa, mossa e irregolare dei Meteoriti, resa riflettente dal processo di argentatura, interagisce con il candore dei gessi con l’intenzione di amplificare la luminosità dello spazio attraversato dallo spettatore.

Nell’intimità della sala 10 i rimandi all’opera del maestro di Possagno si fanno ancora più espliciti: con i suoi Lottatori Mishima tributa un omaggio alla terracotta canoviana di medesimo soggetto collocata nell’elegante teca progettata da Carlo Scarpa, eseguita nel 1775 e ispirata al gruppo scultoreo antico conservato agli Uffizi. Un calco in gesso raffigurante i Lottatori, proveniente dalla celebre collezione dell’abate Filippo Farsetti, è esposto nella medesima sala e impreziosisce il confronto. La composizione creata dall’artista giapponese presenta due elementi distinti, lavorati separatamente in vetro soffiato e avvolti a caldo da cordoni anch’essi di vetro. Le due forme astratte si sovrappongono e si intrecciano evocando in maniera inequivocabile e potente i corpi indissolubilmente legati nella lotta che si vedono nel modello classico.

Compiendo un gesto fortemente simbolico, l’artista ha voluto che alcune sue opere (Vento, Arca di luce e due versioni di Cellula) fossero presenti anche nel Tablino dove, oltre a diversi gessi di Canova, tra i quali corre l’obbligo di citare almeno il Creugante, Madama Letizia Bonaparte e il Busto di Leopoldo Cicognara, è conservato il monumento commemorativo disegnato da Giuseppe Borsato nel quale è stata a lungo conservata la mano destra del grande scultore. Il dialogo con gli autori del passato che si incontrano alle Gallerie dell’Accademia non si esaurisce con Canova ma continua con Palladio: nella tromba della sua impressionante scala ovata, sospesa nel vuoto, si estende per otto metri e venti centimetri la Colonna di luce, composta da novanta elementi di forma tondeggiante, simili l’uno all’altro ma tutti diversi nella loro unicità. Infine, nell’atrio antistante al monumentale cortile palladiano, un lungo tavolo in metacrilato dalla superficie specchiante accoglie una quindicina di sculture che riflettono e moltiplicano la propria immagine sul supporto che li ospita: benché si tratti di pezzi autonomi, lo spettacolare effetto ottico d’insieme suggerisce di leggere questa teoria di opere come un’unica, affascinante e ipnotica installazione.

Ritsue Mishima

Ritsue Mishima nasce a Kyoto nel 1962. Si trasferisce a Venezia nel 1989. Dopo aver stabilito la residenza a Kyoto nel 2011, vive e lavora tra le due città.
Dal 1996 collabora con i maestri vetrai nell'isola di Murano, in Italia.
Sfruttando la traslucenza e la viscosità del vetro veneziano, l’artista crea sculture in vetro trasparente, che fondono i contorni della luce diventando parte dell’ambiente circostante.

Le sculture di Mishima svelano l'energia degli spazi circostanti, e vengono riconosciute ed elogiate anche come opere d'arte pubbliche. Attualmente l'artista sta espandendo la sua pratica collaborando con industrie creative come architettura, moda e design.

Mostre Personali

  • Riflessioni, Galerie Pierre Marie Giraud, Bruxelles, 2020
  • Hall of Light, ShugoArts, Tokyo, 2019
  • Lumina, Luhring Augustine, New York, 2019
  • Cristal Blanc, Galerie Pierre Marie Giraud, Bruxelles, 2017
  • Water Veins, Gallery Shibunkaku, Kyoto, 2017
  • Stars, ShugoArts, Tokyo, 2017
  • Istante, Brutto Gusto, Berlin, 2016
  • Consciousness, Galerie Pierre Marie Giraud, Bruxelles, 2015
  • Wan, Gallery Shibunkaku, Kyoto, 2014
  • Kiyosumi, ShugoArts,Tokyo, 2013
  • In Grimani. Ritsue Mishima Glass Works, Museo di Palazzo Grimani, Venezia, 2013
  • Illumination,Galerie Pierre Marie Giraud, Bruxelles, 2012
  • Dolcevita, Gallery Shibunkaku, Kyoto, 2012
  • As It Should Be, Shiseido Gallery, Tokyo, 2011
  • All That Is Solid, Hedge Gallery, San Francisco, 2011
  • Stream of Light, Brutto Gusto, Berlin, 2010
  • Frozen Garden / Fruits of Fire, Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam, 2010
  • 100 Years After – Unrealised Archaeology, ShugoArts, Tokyo, 2008
  • Particelle Silenziose, The Vangi Sculpture Garden Museum, Shizuoka, 2007

Mostre Collettive Selezionate

  • Glass, Textile, Lacquer & Ceramic, Erskine, Hall & Coe, London, 2018
  • Endless Energy, Toyama Glass Art Museum, Toyama, 2017
  • Asia Corridor Contemporary Art Exhibition, Nijo Castle, Kyoto, 2017
  • Contemporary Japanese Crafts, Musée Tomo, Tokyo, 2016
  • Luminous Port, Yokohama Triennale, 2014
  • Spring at Palazzo Fortuny, Museo Fortuny, Venezia, 2014
  • Recent Acquisitions, Frans Hals Museum, Haarlem, 2012
  • The Yearning for Venetian Glass at Suntory Museum, Tokyo, 2011; “...fa come natura face in foco”, 53. Esposizione Internazionale d'Arte, La Biennale di Venezia, 2009

Collezioni Pubbliche

  • Musée des Arts décoratifs, Paris
  • Boijmans Van Beuningen Collection, Rotterdam
  • Alter Hof Herding Collection, Coesfeld
  • Frans Hals Museum Collection, Haarlem
  • Museum Jan van der Togt, Amstelveen
  • The Vangi Sculpture Garden Museum, Shizuoka

Premi

  • Giorgio Armani prize for Best Artist at Sotheby’s Contemporary Decorative Arts Exhibition, London, 2001
  • Bavarian State Award at 'Exempla 2012: Glass-material between tradition and innovation', Munich

Sponsor

La mostra è organizzata in collaborazione con Ritsue Mishima Studio e con il supporto di Istituto Giapponese di Cultura, Agenzia per gli Affari Culturali del Giappone, Galerie Pierre Marie Giraud, ShugoArts Gallery, Luhring Augustine Gallery, Bottega Veneta e Pentagram Stiftung.

FOTO: Francesco Barasciutti